lunedì 17 giugno 2019

the wife



Dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna.
Cosa significa vivere nell'ombra di un grande romanziere che viene convocato a Stoccolma per ritirare il Nobel per la letteratura?
The wife in realtà è un film sui tormenti della scrittura, sullo struggente tema del talento, della creatività, è un film sull'amore per la scrittura creativa e sulla relatività dei ruoli nella vita di ognuno di noi.
Ci sono persone che nascono con un talento, altre che diventano brave in una qualsiasi arte o attività con spirito di sacrificio e dedizione.
Ci sono persone che per quanto impegnate o risolute non diventeranno mai bravi scrittori o autori di successo perché non hanno il sacro fuoco dentro e non creano strutture degne di emozionare i lettori.
Ci sono anche tanti talenti nascosti che per una serie di motivi difficili da decifrare non diventeranno mai autori di successo.
The wife scava a fondo e in un' ora e mezza di buon cinema racconta una favola, che potrebbe essere un brutto incubo o l'inizio di un sogno.
Guardandolo era inevitabile chiedersi dove mi colloco io nel vasto esercito di scrittori?
Preferisco lasciare a voi miei intrepidi lettori l'ardua sentenza.

sabato 15 giugno 2019

Chernobyl



Ho iniziato a vedere Chernobyl, un pugno allo stomaco.
Una riflessione sulla nostra storia, nostra di stupidi esseri umani votati all'autodistruzione, dedicata alla incapacità di prevenire i disastri, all'arroganza del potere in qualsiasi forma venga esercitato, alla capacità tutta politica e totalitaria di controllare le informazioni, nascondendo, occultando, omettendo e chi se ne frega della verità, chi se ne frega di salvare vite, l'importante è il controllo delle informazioni ... potere assoluto.
La ricostruzione è realisticamente agghiacciante, i protagonisti autentici, sembra quasi un documentario, non lascia spazio alla fantasia, rimane solo la speranza che errori simili non si ripetano.
Su Sky

venerdì 14 giugno 2019

fallout 76



Ho giocato a Fallout da quando uscì per la prima volta, casa seria la Bethesda non a caso ho amato Oblivion, Skyrim Fallout 3, ero quasi convinto che Bethesda facesse davvero la differenza perseguendo non solo la qualità ma anche e soprattutto i contenuti.
Ma gli amori spesso finiscono e quando ho deciso, nonostante i dubbi, di acquistare Fallout 76 ero ancora in lutto per la conclusione della saga Dark Souls e cercavo un gdr che potesse almeno avere un senso, ma mi rendo conto di avere riposto troppe speranze in un gioco nato vecchio.
mi sono ritrovato nel consueto vastissimo universo di fallout ma con qualche giocatore online in linea di massima spaesato come me, con una macchina grafica lenta e molte frustrazioni ludiche.
Quindi per farla breve oggi ho venduto il gioco e ho comprato Red Read Redemption 2.
Gioco nuovo, aria nuova e sicuramente alta qualità a al diavolo i gdr ne riparliamo nel 2020 con Elden Ring, spero

giovedì 13 giugno 2019

Happy



Non so se avete presente Christopher Meloni uno dei più carismatici interpreti di Law & Order, vestitelo come un barbone, trasformatelo in un ex poliziotto alcolista e tossico dipendente e avrete uno dei due principali protagonisti di Happy, l'altro non lo conoscete di sicuro perché è un piccolo unicorno blu.

Ho impiegato un po' di tempo per decidermi a vedere questa serie poi senza informarmi ho cominciato e so già che me la gusterò fino alla fine.
Tratta da un fumetto di Grant Morrison del 2012, è una delle serie più liberatorie assaggiate dal sottoscritto in rete, non aspettatevi buoni sentimenti ma ultra violenza e sangue e linguaggio esplicito inframmezzati da svolazzi disneyani dell'unicorno Happy.

In Happy il mondo è brutto, maleodorante e cattivo quasi come nella realtà ma per fortuna esiste un anti eroe come Nick Sax che non ha rispetto per nessuno ... o quasi, irresistibile carogna provato dalla vita ma alla fine con un cuore d'oro.

L'idea dell'anti eroe liberatorio appartiene anche a uno dei personaggi dei miei romanzi quel Massimiliano Re di Lupi neri su Bologna, un personaggio che potrei anche un giorno fare tornare perché cosa c'è di più bello che liberare gli istinti almeno sulla carta?

Su Netflix

martedì 11 giugno 2019

the sinner


The Sinner/ Il peccatore

Al di là della bellezza della protagonista che contrasta, probabilmente in maniera voluta, con la bruttezza di tutte o quasi le altre figure femminili della serie, è indiscutibile anche la sua bravura, insieme alla bravura di uno stropicciato Bill Pulman nei panni di un tormentato detective con una vita sentimentale/matrimoniale al capolinea e alcune brutte frequentazioni extra matrimoniali.

Alla fine la trama si gioca tutta sul rapporto fra il detective tenace e la giovane madre accusata di un efferato e inspiegabile omicidio e come al solito, come nei neri eccellenti, la storia non sarà né scontata né intuibile, perché la buona fiction come la cronaca nera si muovono sui binari delle consuetudini umane composte da orrori familiari, storie pregresse, fantasmi irrisolti e drammi interiori.

Una serie da servire fredda accompagnata magari da uno spritz Campari per facilitarne la visione in quella che si preannuncia un'estate umida e soffocante.

Su Netflix che continua a proporre prodotti davvero interessanti

lunedì 10 giugno 2019

il bibliotecario di via Gorki ... recensione



Ci sono recensioni casuali, alcune tirate via, altre per obbligo, per piacere, per amicizia, per sdebitarsi.
Poi ci sono recensioni come quella che segue fatta dall'associazione L'isola del tesoro e nemmeno firmata, ma tanto puntuale e analitica da non potere passare inosservata.
Quindi vi passo il link e chi non ha letto il romanzo forse troverà un buon invito ala lettura.
Recensione

domenica 9 giugno 2019

la nostra storia ...L' EREDITÀ DI CARLO CONTI







Scopro per caso questo video che vi passo con i commenti del caso.

Premetto, non conosco la persona che ha commentato il video  esternando alcune considerazioni che condivido.

Le persone, i concorrenti che vedrete, sembrano persone normali, ma non appartengono alla mia parte di universo, non conoscono  pezzi fondamentali della nostra storia, come alieni atterrati ieri sul pianeta

Non hanno idea del passato, sono talmente sprovveduti da non sapere del secondo conflitto mondiale, non conoscono neanche approssimativamente le date, non sanno che iniziò nel 39 e terminò nel 45, e davanti ad alcune ipotetiche date, impossibili da sbagliare per un qualsiasi essere umano non solo italiano ma di qualsiasi nazionalità, riescono in 3 a dire la cosa sbagliata e la quarta non sbaglia per pura esclusione.

Il video che suppongo autentico, vista la presenza del Conti nazionale, non ha bisogno di altre considerazioni, merita di essere guardato e assimilato come certe medicine amare ma necessarie alla nostra consapevolezza.



Tutti coloro che dimenticano il loro passato sono condannati a riviverlo.

Primo Levi



Aggiungo io tutti coloro che non conoscono il proprio passato sono destinati a non avere un futuro, condannati per il loro pezzetto di esistenza a un presente pieno solo di like e di selfie conditi da sorrisi idioti e smorfie ridicole.

giovedì 6 giugno 2019

BURNOUT frammenti 3





Ciao ragazzi 

un nuovo brano dal mio ultimo romanzo.

Vi ricordo che domani 7 giugno sarò alle librerie Coop di Borgo Panigale per il mio secondo firmacopie dalle 14 alle 18, vi aspetto

mercoledì 5 giugno 2019

Highwaymen l'ultima imboscata



Leggendo solo il titolo di una recensione di MYmovies  mi scopro reazionario, solo perché il film viene considerato reazionario da Andrea Fornasiero che sicuramente è un giovane e valente esperto di cinema.
Sono vecchio e perché no mi piace comunque stare dalla parte della legge per quanto spietata e reazionaria in questo film d'azione.
Non conosco la vicenda di Bonnie e Clyde e mi andrò a documentare, ma non è importante ai fini della realizzazione di una fiction, l'importante è la tenuta della storia narrata imperniata soprattutto sui due cacciatori, due vecchi e malandati ranger interpretati magistralmente da Kevin Costner e Woody Harrelson ingaggiati ufficiosamente per catturare i due criminali.

Bello il rapporto fra i due, intenso lo scambio verbale fra Kevin Costner e il padre di Clyde, intensa anche l'America della depressione dove due criminali da strapazzo diventano due eroi leggendari e la vicenda ricorda per certi versi quella più vicina a noi anche geograficamente di Igor, dove un qualsiasi delinquente può diventare famoso solo con il passaparola e qualche efferato omicidio sulle spalle.
Il film mi è piaciuto perché non è retorico, non indulge a inutili sentimentalismi, è uno spaccato di storia di un periodo feroce e drammatico per l'America ha anche una atmosfera western e crepuscolare che lo rende sapientemente malinconico e struggente.

Quindi mi perdoni Andrea Fornasiero se fra tutte queste caratteristiche non riesco a trovarlo reazionario, ma come scrivevo all'inizio la causa è forse la mia stessa natura lontana da inutili considerazioni garantiste anche quando si tratta di raccontare una storia per il grande pubblico.

lunedì 3 giugno 2019

ciao Luca



Mi chiama questa mattina un amico e mi comunica che uno dei miei lettori abitante a Corticella non è più fra noi.
Una riflessione è d'obbligo per alcuni motivi.
Questa persona partecipava regolarmente alle presentazioni dei miei romanzi da alcuni anni, le ricordo quasi tutte, la prima volta mi avvicinò a una presentazione alla biblioteca di Casa khaoula in via Di Corticella.

Gli piaceva Greco, amava il fatto che Trebbi fumasse il sigaro e anche Greco in alcune situazioni, era persona colta e gentile e mi ricordo alcune chiacchierate in coda alle presentazioni fino all'ultima il 24 maggio scorso al Blues Cafè dove mi aggiornava sui suoi scritti, un romanzo storico che aveva spedito ad alcune case editrici locali che gli avevo precedentemente suggerito.

Giunto a questo punto del mio percorso non parlo tanto di amici che sono pochissimi, selezionati e spesso dispersi nei loro guai, parlo di incontri e nel mio peregrinare fra presentazioni e firma copie mi sono costruito una rete di contatti e consuetudini che ormai compongono il mio percorso di scrittore.

Alla fine le persone che mi seguono, mi leggono, mi raccontano loro esperienze e condividono un'analoga passione sono parte del mio attuale modo di vivere il presente.

In buona sostanza mi mancherà Luca anche se lo conoscevo appena.

Spero solo che il suo romanzo possa piacere a uno degli editori ai quali è stato inviato, sarebbe bello potere vedere un suo scritto in una qualsiasi libreria, un bel modo di perpetuare la sua essenza nel mondo,  sicuramente lui ne sarebbe felice.

Come mi disse un tempo un collega poliziotto con un grande senso pratico, io ho già raggiunto la mia fetta di immortalità perché i miei romanzi, belli o brutti, continueranno a vivere negli occhi di chi vorrà leggerli anche dopo di me.
Invecchiando questa considerazione mi dà sollievo.

Buon viaggio Luca ovunque tu sia diretto.

sabato 1 giugno 2019

after life



C'è questa sensazione di liberazione guardando After Life, dopo la vita.
L'attore inglese, bravissimo, affronta un tema tanto tragico quanto senza tempo, come quello della morte di una persona cara, la morte della propria compagna.
La morte in realtà è il tema dominante della serie ed è trattata con una tale leggerezza da diventare quasi innocua.
Il protagonista che vedete in foto, non rinuncia alla vita a suo dire soprattutto per non lasciare il cane della coppia, ma in questo modo affronta il quotidiano con  totale libertà d'azione, non ha remore, né preoccupazioni legate all'apparire, non ha scrupoli, neanche la necessità di mentire, non ha desideri, non ha cupidigia, non deve mentire, e le situazioni che scaturiscono dalla sua totale disperazione e disinteresse per gli affari umani è di una comicità irresistibile, con alcuni inevitabili momenti di struggente malinconia.
Su netflix