sabato 18 gennaio 2020

lo strano mondo dello scrittore



Ieri sera dopo cena sono salito sulla mia up a metano ecologica e risparmiosa e sono partito verso Trebbo di Reno, un paese che dista circa mezz'ora da casa mia.
Era una serata decisamente serena e non troppo fredda considerando che siamo al 18 di gennaio, e non c'era nebbia o altro in agguato.
Sinceramente non credevo di incontrare gente,come spesso mi è capitato mi aspettavo la brava bibliotecaria pronta ad accogliermi due o tre eroi precettati per l'occasione, due chiacchiere sul mio ultimo romanzo e buonanotte.
Sono stato piacevolmente spiazzato da vari aspetti della serata, molta gente,  molti libri venduti, una conduttrice Raffaella Tamba, preparata e intelligente, e alcune lettrici che già mi conoscevano, conoscevano bene alcuni miei vecchi romanzi tanto da ricordare passaggi, citare brani, sottolineare aspetti.
Insomma ho incontrato alcuni miei "fan", che mi hanno davvero emozionato, ho scoperto che c'è gente che mi segue da tempo, mi legge nelle biblioteche, mi compra in libreria, in maniera entusiasta e davvero inaspettata.
Conclusione
La vita e il mondo di uno scrittore della bassa, come me, è come un ottovolante nel quale è bene abituarsi alle picchiate, alle forti emozioni e ai momenti di vuoto.
Ma una cosa me la sono portata a casa ieri sera, la consapevolezza che nel mondo, in giro, ci sono alcuni lettori, soprattutto lettrici, che davvero mi apprezzano, mi leggono, sottolineano passaggi di miei scritti, e certe consapevolezze sono oro per noi scrittori, servono a cercare di fare sempre meglio, per loro e per i lettori che verranno.

mercoledì 15 gennaio 2020

Cormoran Strike




Mi piace Cormoran Strike.
Prodotto dalla prolifica mente della mamma di Harry Potter arriva su sky questo giovane investigatore britannico senza un bel pezzo di gamba esplosa durante il conflitto in Iraq.
Lui è un investigatore spiantato, buon bevitore, tabagista, labbro leporino e anima candida e dura.
Ricco di famiglia ma diseredato, affiancato da una bella e giovane apprendista investigatrice.
Sono storie che si concludono in un paio di puntate e si svolgono fra Londra e campagna inglese, bella fotografia, buona caratterizzazione dei personaggi, molta birra, molti pubs e un nuovo investigatore da amare.
Se è vero che è difficile se non impossibile inventare qualcosa di davvero inedito, è anche vero che si può lavorare sull'esistente migliorandolo, complimenti all'autrice che non ha certo bisogno di pubblicità.
Su Sky

watchmen




Finita adesso la prima stagione di Watchmen e non so se ci sarà un'altra stagione, in realtà non so nemmeno se sia possibile scrivere una qualsiasi recensione, l'unica cosa che so è che ho trovato le nove puntate appassionanti in un crescendo di scoperte che solo nei grandi video giochi o nelle grandi saghe ho incontrato.
Qualcuno potrebbe dire che alla base di Watchmen ci sia una decisa presa di posizione nei confronti del razzismo dei bianchi americani nei confronti degli afroamericani, in un universo parallelo dove un oscuro gruppo di crociati mascherati si batte contro poliziotti a loro volta mascherati per nascondere la propria identità.
Ma sarebbe una banalizzazione della trama, che è più complessa sciogliendosi poi verso la fine con risvolti tipici delle trame di tanti fumetti incentrati sulle vicende di super eroi.
Io vi dirò solo che in questa vicenda c'è un dio che è poi alla fine al centro della trama e la muove creando spettacolari giochi spazio temporali fra i vari protagonisti.
Solo chi ama come me fumetti, super eroi, e scontri titanici, si potrà ritrovare in una vicenda che alla fine non è altro che una tenera storia d'amore impossibile.

lunedì 13 gennaio 2020

una classifica vincente



Bella la mia posizione in classifica nella biblioteca di Bentivoglio, vicino a nomi illustri del romanzo di genere, vale molto per me sia perché arriva dal mio paese sia perché è dimostrazione oggettiva della popolarità del buon Trebbi.
Grazie gente

giovedì 9 gennaio 2020

anno nuovo nuove presentazioni




Ci siamo lasciati alle spalle il 2019, ma non i miei romanzi spero, quindi eccomi di nuovo in pista con due appuntamenti:

17 gennaio 2020.
ore 21
L'isola del tesoro, a Trebbo di Reno

23 gennaio ore 19
Biblioteca Corticella
via Gorki
Presenta lo scrittore Luca Occhi, 
letture di Marco Piovella

lunedì 6 gennaio 2020

Notte blu




Ci sono alcuni brani che rimangono incollati al cervello, come alcune immagini, ricordi, frammenti di vita. Non sono necessariamente i più importanti, non sono sempre belli, sono pezzi di qualcosa che hai conosciuto e che rimangono, non vogliono saperne di essere eliminati.

Notte blu è un brano del 1979, avevo 20 anni e l'ascoltai allora, non ho mai dimenticato il ritornello e ogni tanto mi è capitato di cercare il brano senza trovarlo, per un solo motivo, non ricordavo il nome dell'autore.

Oggi, 41 anni dopo, apprendo che il suo autore, Franco Ciani, è venuto a mancare e udendo il suo nome i collegamenti cerebrali hanno compiuto il miracolo, hanno collegato un nome a un brano e adesso posso riascoltare quel brano che come anticipavo, non è un capolavoro, ma mi ha accompagnato per quarant'anni.

Mi piaceva il ritornello, forse perché si parla di notte, una notte blu, si parla di stelle di sogni e di desideri, quando hai vent'anni i desideri sono cose strane, probabilmente io volevo davvero volare via, ma rimasi ancora per tanto tempo incollato alla terra.

Mi dispiace avere ritrovato questo autore nel momento più nero della sua esistenza, ma di lui mi porterò dentro sempre il ricordo di una notte blu.

Notte lunga e senza stelle, domani la vita come ieri come oggi come sempre

giovedì 2 gennaio 2020

Pinocchio 2019



Lo so che queste quattro righe non piaceranno ai tanti amanti di Pinocchio.
Ho letto Pinocchio quando ero "cinno", e mi è rimasta questa sensazione di angosciata attesa della tragedia incombente che in Pinocchio spesso arriva a sconvolgere la vita del pezzo di legno fatto uomo.
Ho visto a suo tempo il Pinocchio televisivo con la fata turchina Gina Lollobrigida che aveva poco di fatato e molto di sensuale per il periodo nel quale fu trasmesso lo sceneggiato di Comencini che rimane un capolavoro assoluto.

Pinocchio è stato rivisitato, analizzato, americanizzato, santificato.
Era proprio necessario fare l'ennesimo film?
Con Benigni trasformato in Geppetto?

Non vedrò il film nemmeno per sbaglio, nemmeno se pagato per vederlo.
Sarà sicuramente bellissimo, ma a me personalmente esce dagli occhi e dai sentimenti.

Sa di vecchio, sa di legno consumato e vecchio, buono per il camino.
Poi come sempre è solo una opinione di un vecchio televisionomane ma meglio molto meglio il nuovo io preferisco fare voli diversi con la fantasia, verso mondi mai immaginati prima, come in The Witcher.
Il futuro è qui, il passato lasciamolo al passato

mercoledì 1 gennaio 2020

L'anno è arrivato




Siamo nel 2020
vi regalo questo video che celebra il vecchio anno e saluta il nuovo con le parole di Lucio Dalla, buone per tutte le stagioni.
Sono arrivato alla conclusione che il passaggio fatidico a un nuovo anno sancisce semplicemente la velocità del nostro tempo mortale e mi torna in mente 2001 Odissea nello spazio dove verso la fine del film il personaggio diventa vecchissimo  per poi tornare in una fase prenatale e il tutto nell'arco di tre minuti di film, La nascita della nuova era.

Mi sento spesso come il personaggio del film, avvolto da una solitudine luminosa corredata  dagli avvenimenti del quotidiano, dalla comunicazione con il mondo, dai libri letti, da quelli scritti in un'avventura velocissima con un'unica incognita, la fine del viaggio.

La scrittura in tutto ciò mi conforta e mi accompagna.

Scrivere significa determinare il tempo, scolpire i momenti, fermare le riflessioni e trasformarle spesso in romanzi, una sorta di diario immaginario dove ogni storia è legata a un momento della mia vita.

Scrivere come amare è un buon antidoto agli effetti collaterali del invecchiamento, aiuta a non dimenticare chi siamo.

Buon 2020