lunedì 18 marzo 2019

la verità sul caso Harry Quebert





Sky mi costa come un'iscrizione in palestra, una buona di quelle con sauna e piscina, ma talvolta ne vale la pena, mi ha permesso di vedermi nel giro di un paio di giorni tutta la stagione, 10 puntate, della fiction tratta dal romanzo La verità sul caso Harry Quebert.

Il romanzo è del giovane scrittore svizzero Joel Dicher che con questo giallo ha svoltato diventando uno scrittore di best sellers.

La storia è davvero interessante per due aspetti, la trama nera è ricca di colpi di scena e tiene lo spettatore sulle spine fino alla fine.
L'altro aspetto è il ruolo dello scrittore nella vicenda poiché i protagonisti sono scrittori, scrittore è il giovane protagonista che indaga per scagionare il suo mentore dall'infamante accusa di avere ucciso una giovane fanciulla trenta anni prima.

La fiction è pregevole, bravi tutti, perfetta l'atmosfera, una totale immersione in un giallo di successo.
Consigliato
su sky

venerdì 15 marzo 2019

Daredevil terza stagione




E così sembra che Daredevil chiuda i battenti al termine della terza stagione.
Devo dire la verità, Daredevil o Devil come lo chiamavo io da ragazzo, è uno dei super eroi che amavo di più della Marvel, uno dei più sfigati e improbabili, certo, ma non per questo meno affascinante, l'avvocato cieco del cause perse che di notte diventa giustiziere indomito e pietoso.

Mi è piaciuta anche la serie televisiva, bravi gli attori, credibile il protagonista, eccezionale la partecipazione del cattivo di turno Wilson Fisk, un grande Vincent D'Onofrio, imponente e potente.

Credo però fermamente, che pur risultando una delle serie Marvel meglio riuscita possa anche per questo chiudersi qui.

Anche in questa stagione ho avvertito la stanchezza della serie, pur nella velocità e nella originalità della sceneggiatura, un passo avanti ai dimenticabili Iron Fist e Luke Cage.

leggo di tutto e il suo contrario, che non si farà più e che invece stanno già preparando le prossime tre stagioni.

Staremo a vedere, spero solo che nel caso Daredevil possa nuovamente utilizzare il suo costume, perché senza mi faceva abbastanza ridere.

Su Netflix ... per ora

mercoledì 13 marzo 2019

il ghiaccio e la memoria a San Benedetto Val di Sambro





Ero indeciso su questa presentazione perché vi confesso che invecchiando esco mal volentieri dalla mia tana/rifugio, preferisco evitare viaggi anche brevi e il mondo, come racconta Baricco nel suo ultimo libro The game (di cui scriverò presto), dicevo il mondo entra più o meno dolcemente fra le mura del mio castello e tanto mi basta.
Poi Guido Mugavero mi ha detto che alla presentazione ci sarebbe stato Marco Tamarri, che adesso è Responsabile del servizio cultura e turismo dell' unione dei comuni, ma in un tempo remoto e non rimpianto era mio compagno di classe al Righi prima che mi bocciassero in terza all'esame di riparazione.
Marco mi è sempre stato simpatico e a suo tempo era davvero istrionico, quindi ho deciso di salire in auto all'ora nella quale solitamente mi appresto a dormire, o a guardare qualcosa in televisione, o leggere e quindi per gli amici di San Benedetto, spero di incontrarvi numerosi e agguerriti giovedì 28 marzo 2019.


lunedì 11 marzo 2019

true detective 3




Un prodotto che difficilmente delude.
Grandi interpreti partendo dal protagonista assoluto.

Il premio Oscar Mahershala Ali interpreta Wayne Hays, un detective della polizia statale del nord-ovest dell'Arkansas chiamato ad investigare sulla misteriosa scomparsa di due bambini





L'America più depressa fa da sfondo a una truce e triste vicenda che finisce per contaminare definitivamente l'intera vita del detective e della sua compagna che  accompagneremo in 3 momenti diversi della vicenda, anni 80 anni 90 e oggi.

Sembra che al regista importi il giusto della trama concentrandosi invece sui protagonisti e sui diversi effetti che il tempo produce nelle loro esistenze.

Chi mi chiede spesso differenza fra giallo e nero sicuramente guardando le 8 puntate della terza serie non potrà cadere in confusione. la storia è nerissima, triste, a tratti priva di qualsiasi speranza, ma anche malinconica, appassionata, feroce con la giusta dose di rimpianto per il tempo che non può sanare le ferite, e per gli errori fatti e non più rimediabili.
Ritmo lento, un blues da gustarsi da soli o con le persone giuste accanto.





sabato 9 marzo 2019

La consistenza del sangue alla Biblioteca Lame




La consistenza del sangue è ancora in giro, su gentile invito dei bravi bibliotecari della Biblioteca Lame torno a presentare uno dei miei ultimi romanzi edito da Giraldi Editore.
Amo questo romanzo perché è solo, fuori dai miei seriali, quindi deve difendersi da una concorrenza spietata fra Galeazzo Trebbi e il maresciallo Greco, è una storia cupa, dove c'è Bologna, Porta Lame e l'ultimo durissimo mese di lavoro di un anziano commissario di polizia.
Vi piacerà.
Per chi non mi conosce e vuole una copia autografata, mi può trovare sabato 16 marzo, data difficile da dimenticare, alla Biblioteca Lame, alle 16.
Nella locandina tutte le informazioni utili.

giovedì 7 marzo 2019

Tin Star



A me piace Tim Roth due titoli che gli permettono di fare qualsiasi cosa oggi.
Le iene e Pulp fiction.
Era anche l'interprete di una interessante serie tv Lie to me, poco credibile ma efficace.

Tin Star però, nonostante il suo carisma e la sua indiscussa bravura, non sta in piedi.
A fatica sono arrivato alla fine dela prima stagione che per quanto sconclusionata aveva un suo senso.
Ma doveva finire lì, perché non c'era altro da dire, la vendetta era consumata, il resto, vale a dire il futuro precario dei sopravvissuti, doveva rimanere nella fantasia dello spettatore.
Invece hanno voluto proporre una seconda stagione che sembra più il delirio di un alcolista all'ultimo stadio.
Situazioni incomprensibili, dinamiche demenziali, nessuna regola e potrebbe anche andare bene, ma anche in Pulp Fiction, che rimane probabilmente l'unico vero capolavoro di Tarantino, c'è una logica perfetta, le situazioni si innescano una dentro l'altra si inseguono, tornano a incontrarsi.
In Tin star invece non c'è logica, non c'è armonia, i personaggi sono quasi tutti detestabili, compreso lo sceriffo ubriacone e demenziale e in conclusione ho interrotto la visione alla terza o quarta puntata, perché credo di non perdere una pietra miliare della fiction.
Se qualcuno ci trova qualcosa di apprezzabile può scrivere qui e lo pubblicherò.

domenica 3 marzo 2019

Il carnevale ... che palle





Ebbene, il carnevale.
Ha origini antiche probabilmente legate alla fine dei triboli, alla liberazione vera o fittizia degli istinti, alla fine dell'inverno, delle carestie, delle pestilenze, una liberazione temporanea dalla paura di morire.

Oggi è una cosa triste, una ostentazione facoltativa, un pretesto per travestirsi, una festa per bambini spesso e soprattutto.
Poi ci sono i luoghi deputati, c'è la magica Venezia, ma in generale chi non ha bimbi piccoli, chi è animato da un sano scetticismo credo che come me pensi all'inutilità dell'evento, alla generale malinconia che provoca in noi animali delle pianure.
Potrei istituire un referendum per la sua abolizione ma mi limito a sottolinearne la sua annuale capacità di intristirmi.
Il carnevale … che palle