domenica 20 maggio 2018

scrittori ... sono solo canzonette



Mi piace la riflessione di Di Giovanni e ve la regalo.
L'ho  trovata in un libercolo davvero troppo costoso, 13 euro per tre interviste a tre che ce l'hanno fatta, bravi, come racconta Di Giovanni, ma poco simpatici.
Bravi perché chi riesce a bucare lo specchio ... tanto di cappello.
Poco simpatici perché egocentrici, autoreferenziali, pieni, come penso debba essere la sensazione del successo.
Non l'ho mai provata, non la proverò mai.
Per me il successo è, dopo otto ore in piedi, in una qualsiasi libreria di catena, trovarmi di fronte una persona che mi dice, allegra: io la conosco, ho letto due dei suoi romanzi, in biblioteca, a Molinella, e mi sono piaciuti.
La persona in questione non ci pensa neanche un secondo ad acquistare il mio ultimo romanzo, mi saluta e si complimenta, e mi lascia esterrefatto.
Conto talmente poco nel suo patrimonio esistenziale da essere utilizzato come icona.
Ciò che scrivi mi piace, ma non sprecherei mai un euro per leggerti, visto che posso farlo gratis in biblioteca.

Ecco ciò che io conto ... nulla.
Ed è una lezione di vita.
Come recita Di Giovanni, noi siamo cantori, cantastorie, tanfol, guitti, inventori di illusioni.

Io sono uno che ti racconta una storia e tu che mi stai leggendo puoi farne ciò che vuoi, leggerla sotto l'ombrellone dentro il tuo kobo, su un treno in ritardo sul tuo Kindle, fra le pagine sporche di Nutella in un qualsiasi cartaceo.
Sono solo uno scribacchino, e mia cura, mia diletto è solo entrare nella tua vita e cambiarla per un attimo, per una vacanza, per un sussulto,  il senso del mio esistere può esaurirsi nel tuo piacere.
Bravo Di Giovanni.


Tre manifesti a ebbing missouri


Tre oscar meritati per questo esempio di cinema americano, un vero nero che non risparmia niente e nessuno raccontato come le storie più efficaci attraverso le voci dei protagonisti.
La stessa storia nasce da un esperienza diretta del regista che si trovò per caso sulla sua strada alcuni manifesti che parlavano di una ragazza uccisa e da quella situazione nacque l'idea.
A volte le idee arrivano per caso come se fossero sempre esistite dentro di noi aspettando solo il modo di manifestarsi.
Oltre alle idee ci vogliono le facce dei protagonisti e le loro voci.
Frances McDorman è la madre di una ragazza stuprata e uccisa che bene incarna un'America per noi europei solo vissuta e immaginata attraverso tanto cinema e letteratura.
Affiora un'America nebbiosa e depressa periferica e disperata, dura e spietata, dove uomini e donne sembrano condannati a una vita compressa in cittadine sperdute fra notti piene di birra e vuote di vita, un America violenta e cupa, con la sua componente nera tanto diversa da quella europea e con un unico denominatore comune l'ansia di addivenire a una conclusione consolatoria o salvifica o giustizialista.
Ma come racconta bene Carlotto (mi pare) in una intervista in tre passi nel buio, il nero non è consolatorio, non deve esserlo, non nasce con quell'intento.
Su Sky


venerdì 18 maggio 2018

giovedì 17 maggio 2018

la consistenza del sangue in classifica





Vicino a un mese con Montalbano un piccolo brivido mi coglie in questo quotidiano zeppo di problemi, crucci e bollette.
La consistenza del sangue scala la classifica dei più venduti ebook Mondadori (kobo) a 4,99 euro in posizione 73 fra i più venduti.

Piccole soddisfazioni scaldano il cuore

mercoledì 16 maggio 2018

La consistenza del sangue prossimi appuntamenti




Prossimi appuntamenti ravvicinati a Ferrara il 19 maggio Bookstore Mondadori e a Bologna il 22 maggio nella biblioteca Scandellara

martedì 15 maggio 2018

secret and lies prima stagione




Dieci puntate serrate per la prima stagione di una fiction del 2015 davvero interessante.
La trama è semplice, un runner trova sul suo percorso mattutino il cadavere di un bambino, un suo vicino di casa e diventa quasi immediatamente il principale sospettato.
Buon ritmo, bravi i protagonisti, alcune forzature ma in generale la trama regge e così la sceneggiatura.
Un bel nero americano in una tipica cittadina dove tutti i personaggi hanno qualcosa da nascondere e nulla è come appare.
Ma del resto quanti segreti si celano nelle nostre vite e in quelle paciose e patinate di tante famiglie?