domenica 27 novembre 2022

Il prodigio


 

Film del 2022, coproduzione Irlanda, Inghilterra, Usa.

Si fa un gran parlare di violenza sulle donne, molte parole, molta retorica, poca vera cultura, intanto uomini/bestia continuano a uccidere compagne, mogli, fidanzate come un atto dovuto, senza preoccuparsi delle conseguenze, ma la violenza non è solo quella estrema, ne esiste un'altra più sottile, subdola, definitiva indotta da una fede, da una cultura familiare, dalle consuetudini.

Questo film crea cultura, perché racconta una storia e come annuncia all'inizio della vicenda, il racconto e il raccontare sono componenti della nostra vita, danno senso al vivere.

Non vi svelo nulla, perché il film si snocciola come un vero e proprio giallo intorno a un prodigio, una fanciulla in un'Irlanda desolata e selvaggia, 1862,  continua a vivere dopo quattro mesi di digiuno.

Una coraggiosa infermiera viene arruolata da un becero comitato del paese per osservare il fenomeno per due settimane e riferire.

Un piccolo capolavoro e un grido di speranza per l'umanità.

Dall'orrore di una cultura oscurantista e bigotta ci si può salvare, si può iniziare una nuova vita.

Su Netflix 


sabato 26 novembre 2022

Chelsea detective


 

Un nuovo crime inglese, si svolge a Chelsea, ricco quartiere londinese.

Gli inglesi sanno lavorare bene con il giallo, che in questo caso è un buon poliziesco, bella ambientazione, Londra sullo sfondo, bravi i protagonisti, per me sconosciuti.

Lui, il detective, sufficientemente brutto, poco appariscente ma davvero affascinante con tutte le sue insicurezze, un matrimonio in fase di naufragio e un alloggio provvisorio su una chiatta parcheggiata nel Tamigi.

Lei di origini straniere, non chiedetemi quali, sposata con un uomo molto paziente e madre da poco che deve conciliare famiglia e lavoro.

Quattro puntate di un'oretta e mezza, belle, bene articolate.

La cosa che mi stupisce sempre è come le razze si mescolino con armonia in un paese colonialista e nazionalista come l'Inghilterra.

Evidentemente in questi paesi che da sempre hanno colonizzato e sottomesso ovunque nel mondo, come la Francia ad esempio, l'integrazione, per forza di cose funziona meglio che da noi.

Su Discovery plus

lunedì 21 novembre 2022

zelig 2022


 

Tre puntate di Zelig per gli appassionati come il sottoscritto di una formula vincente, che ormai porta sulle spalle più di venticinque anni.

Ma funziona ancora? Devo essere sincero, qualcosa è cambiato, i comici mi fanno meno ridere, certo Bisio insieme all'Incontrada compongono una coppia formidabile per intesa e simpatia.

Bisio è una spalla fortissima per i vari comici che si avvicendano sul palco.

Il problema invece è nella comicità. ho sentito molta stanchezza, sarà stata la pandemia, sarà che ogni formula per quanto vincente alla fine scade, tranne per la Coca Cola, forse.

Sarà che alcuni comici hanno intrapreso altre strade, come la televisione e forse la creatività ne risente, penso a Lastrico, sempre bravo ma meno convincente nelle prime due serate, penso ad Alex e Franz che portano sul palco la coppia di amanti dove uno dei due ha cambiato sesso.

Mi sono divertito meno, perché diciamolo, fare ridere è arte difficilissima, e lo stesso Angioni con il suo tormentone Kevin non buca più lo schermo come la prima volta.

Rimangono alcune ore serene e piacevoli, un'alternativa sempre superiore al terribile GF.

Su mediaset infinity

sabato 19 novembre 2022

Boris 4


 

Il tempo non perdona, non concede sconti, e anche Boris pure cercando una sua dimensione in questo sgangherato 2022, stenta a trovare spessore, arranca dietro i nuovi padroni della rete, gli algoritmi, le piattaforme, cerca di stare al passo, ma non buca lo schermo e soprattutto non fa ridere.

Tutta la potenza satirica delle precedenti stagioni e l'analisi impietosa del mondo della fiction italiana sembra passare in secondo piano, anche i personaggi sbiadiscono, e rimane poco di davvero carismatico.

Forse è tempo per Boris di andare in cantina, forse sento troppo la mancanza della lucida intelligenza del grande Mattia Torre, non so.

Comunque per chi ha amato il prodotto può cercare di farselo piacere su Disney +

giovedì 17 novembre 2022

Chase


 

Prime sta crescendo, però, non so voi, ma nonostante la grande mole di denaro che sicuramente viene investito, la qualità spesso inciampa.

La sensazione è, magari errata, che Prime essendo una costola di Amazon sia uno scatolone pieno di contenuti, a scapito spesso della qualità.

Rimane un'ottima piattaforma, se si parla di rapporto qualità prezzo, con alcuni scivoloni, come questo brutto film che ho interrotto prima di arrivare alla fine.

Avrei dovuto seguire l'istinto, perché l'attore protagonista è un professionista dei film action, molti muscoli, pochi concetti.

Qui Gerard Butler è un ricco imprenditore edile, muscoloso e ombroso, ma molto paziente, anche perché sopporta i tradimenti e la depressione di una moglie bella che avendo tutto dalla vita deve anche renderla impossibile al maritino, talmente comprensivo da apparire davvero poco credibile.

Al povero marito cornuto e mazziato, capita una fortuna insperata, la moglie scompare in una stazione di servizio a pochi minuti da casa dei suoi genitori, e lui invece di approfittare del colpo di fortuna si mette d'impegno per ritrovarla.

Da quel punto in poi il film diventa davvero poco credibile e quasi grottesco nella sua evoluzione.

Speravo in un oretta e mezzo di sana suspence, ma anche senza avere visto la conclusione potrei scommettere su molta azione violenta e salvezza della moglie che grata di tanta fortuna rinsavisce e seglie di nuovo il marito, fino alla depressione successiva.

Se volete scoprire come finisce, potete vederlo su Prime, io però vi ho avvertito.