lunedì 16 aprile 2012

Dexter ... fine stagione six


Non vi racconterò come si conclude la sesta stagione di Dexter.
Una della fiction che io amo di più.
E' vero il tempo è impietoso e anche gli scrittori e gli sceneggiatori possono arrivare alla fine delle idee, del resto mi sono stancato a suo tempo anche di Montalbano/Camilleri, forse perché il primo a stancarsi del suo eroe è stato proprio lo stesso Camilleri.
Perché mi piace Dexter?
Stravolge le regole, ti costringe ad allearti con il male, un male utilizzato per estirpare un male ancora più grave, contro ogni regola morale e religiosa.
Il perdono cristiano, il porgi l'altra guancia,  tutti i valori con i quali siamo cresciuti vengono ribaltati dal lato oscuro che si aggira dentro di noi.
Dexter è il nostro lato oscuro, è la risposta definitiva al nostro bisogno di riscatto.
I cattivissimi che lui uccide e fa scomparire in mare, sono tutti i cattivi del mondo, quelli che la fanno franca, che uccidono, stuprano, rubano, depredano senza nessuno scrupolo.
Come non amare la parte oscura di noi? In fin dei conti è solo una fiction.

2 commenti:

Nadia ha detto...

Prima dell'uscita del telefilm sono usciti i libri ed io da assidua lettrice mi sono letta il primo.... La mano sinistra di Dio. Lui come personaggio è fantastico, peccato che nel romanzo ci siano 2 personaggi troppo "surreali" per i miei gusti: sua sorella e il capo della polizia.
Letto il primo non ho proseguito la serie e mi sono sempre rifiutata di vedere i telefilm che una delle mia figlie adora.
Nadia

massimo fagnoni ha detto...

Che dire l'attore è molto bravo e non posso leggere i romanzi sarei troppo condizionato dalla finzione televisiva.
Dexter mi piace è qualcosa di diverso e innovativo nel panorama del giallo d'azione, né noir, ne classico giallo, purtroppo destinato comunque a concludersi.