sabato 26 maggio 2012

call of duty mw3



L'elicottero è stato colpito e sta precipitando sul tetto del palazzo dove tu stai sparando ai nemici.
Chi sono i nemici?
Non ha importanza, sono russi, chissà.
Ma la tua priorità è fare in modo che l'elicottero non ti schiacci e corri con i tuoi compagni, gente spiccia, e ti lanci dal palazzo aggrappato a una corda e scivoli verso il basso cadendo al suolo quasi indenne.
Che dire di questo nuovo prodigio della simulazione bellica?
Incredibile, specialmente se giocato con l'xbox dentro un televisore grande 32 pollici e soprattutto quando in casa non ci sono mogli e figli a ricordarti che hai più di cinquant'anni e che dovresti essere, secondo le ultime informazioni, pacifista.
Ma esiste davvero un solo uomo, oltre il Papa che sia davvero pacifista?
E poi è solo un gioco, e ve lo prometto sparo solo in casa, no ... volevo dire alla console della mia fidata xbox, e mi diverto come un giovane adolescente e non devo nemmeno fare i compiti, dopo.
Portate pazienza, sempre meglio che andare al bar, direbbe mia madre.
Comunque è incredibile, provare per credere.

2 commenti:

Nadia ha detto...

Non l'avrei mai detto!
Ma si sa i maschietti ce l'hanno nel DNA.... Lo sai che nelle scuole materne dove tra i giocattoli non ci sono armi i bambini utilizzano qualsiasi cosa per simulare un'arma?
Se un video gioco serve a scaricare l'aggressività ben venga!

massimo fagnoni ha detto...

diciamo che aiuta a scaricare l'aggressività e poi il gioco è decisamente una componente infantile, cerco di rimanerci aggrappato, almeno nei momenti più vuoti ho sempre una cosa da fare che mi porta altrove e che costa poca fatica.